Cerca nel blog

lunedì 9 luglio 2012

Proteggere la termocamera


Lavorare sotto il sole cocente a più di 40 °C non fa certo bene ne a noi, ne alla nostra attrezzatura. 
L'irraggiamento diretto del sole surriscalda la termocamera e si arriva facilmente ai limiti di temperatura operativi dati dal costruttore, questo comporta un inevitabile usura dell' attrezzatura e a possibili errori o bloccaggi del software.
Ci si trova quindi a dover sopportare fastidiosissimi crash che portano ad errori e un notevole stress, sopratutto quando si è da un paio di ore sotto il sole e si suda abbondantemente .





Ho pensato quindi di avvolgere parte della termocamera con un mylar riflettente per ritardare l'effetto del surriscaldamento dato dall' irraggiamento solare.
La suluzione è molto casereccia sicuramente da migliorare, ma ha dato dei risultati confortanti, almeno ho evitato blocchi del sistema, che si erano presentati in casi analoghi e protetto la termocamera dall' effetto diretto di raggi UV








Buona abbronzatura ! ;-)








Nessun commento:

Nuove alleanze e nuovi mercati

Il lavoro del termografo non si ferma mai, ma si evolve nel tempo. Per questo principio, ho siglato un alleanza lavorativa con la DarkWave ...