Cerca nel blog

mercoledì 2 maggio 2012

Termografia fotovoltaica analisi avanzate

Ho realizzato questo post in concomitanza del SolarExpo di Verona per le richieste ricevute da alcune persone che devo incontrare, mi spiace per il watermark in mezzo ai piedi ma in questo caso è necessario.

Come abbiamo visto nel post precedente attraverso lo strumento integrativo msx messo a disposizione da Flir è possibile evidenziare determinati dettagli dello spettro visibile che non compaiono mai nell' infrarosso termico.
Un caso molto utile di applicazione è nella termografia dei pannelli fotovoltaici dove le linee delle saldature e i margini delle celle non appaiono in quanto sono al di sotto del vetro di protezione.
Questo permette di identificare con maggiore precisione alcuni caratteristi difetti riscontrabili nei moduli fotovoltaici attraverso le immagini IR, quali cricche, cortocircuiti, hot-spot, diodi difettosi.

Ogni mappa termica è riconducibile ad un difetto noto, tutta via è sempre bene una successiva misurazione strumentale ed un esame visivo di tutta la superficie del pannello.



L'aumento esponenziale della temperatura come nel caso sopra riportato è legato ad un difetto delle saldature sulla cella, la situazione che si crea in questi casi è un possibile decadimento delle prestazioni nel breve periodo o dell' interruzione del contatto elettrico che sono direttamente proporzionali all' estensione dell' hot-spot, una misura strumentale resta necessaria al fine di quantificare la reale perdita di performance del modulo.




La tracciatura della linea di analisi e il relativo grafico mostra come l' hot-spot è al limite rispetto i dati di targa forniti dal produttore del pannello, queste comparazioni sono fondamentali unite alle analisi strumentali obbligatorie anche in questo caso, in quanto il presunto difetto non è tale da influire negativamente sulle prestazioni del modulo.

La corretta analisi termografica dei moduli fotovoltaici è sempre supportata da analisi strumentali senza le quali non è possibile comprendere l'effettiva perdita di carico di una stringa o dell' impianto. Trovare uno o più difetti termici quali hot-spot ecc non costituisce necessariamente difettosità del modulo stesso, attenzione quindi a chi sbandiera analisi termografiche che paventano i peggiori problemi relativi a difetti presunti dietro la presentazione di una semplice immagine termografica, le temperature rilevate sono necessariamente da compensare in funzione di parametri ambientali e dello sfondo come sono da eseguirsi nel range di funzionamento prestabiliti per le misurazioni sugli impianti. 











Nessun commento:

Sito rinnovato

E' online il sito in inglese :) https://www.reamodena.com/english-1/