Passa ai contenuti principali

Controlli termografici sul fotovoltaico

L'estate si avvicina ed è ora dei controlli periodici sugli impianti fotovoltaici, come già mostrato in passato il binomio, prove termografiche abbinate alle misure di performance e curve dei moduli si è dimostrato vincente non solo per quanto riguarda la manutenzione predittiva degli impianti ma sopratutto per la diagnosi e risoluzione dei problemi di sottoproduzione degli stessi.

Tra le casistiche più diffuse vi è sicuramente lo sporco e fenomeni di ombreggiamento mal considerati.
Lo sporcizia sui moduli è spesso sottovalutata, si tende infatti a considerare che la pioggia pulisca i moduli, purtroppo non è così sopratutto se i moduli hanno inclinazioni minime, in oltre in ambienti particolarmente aggressivi e polverosi sui moduli fotovoltaici si deposta una pattina tenace che non può essere rimossa con la semplice acqua ma richiede un intervento di pulizia meccanica profonda con appositi solventi e spazzole.

La differenza dopo la pulizia è palese, come è visibile in foto la pattina depositata sui pannelli sporchi in basso rispetto a quelli puliti in alto è netta,




La differenza è apprezzabile anche termicamente, le temperature dei moduli puliti sono nettamente più basse rispetto quelli sporchi, ciò si traduce in maggior produzione e maggior efficienza dei moduli stessi.


la sporcizia parzialmente dilavata tende ad accumularsi sul bordo inferiore della cornice dei pannelli creando un deposito che va ad aumentare nel tempo, minore è la pendenza del modulo e maggiore sarà il ristagno e deposito di sporcizia parzialmente dilavata.
E' impensabile che un impianto fotovoltaico produca correttamente in queste condizioni.


Lo sporco può essere presente anche negli impianti a terra, gli effetti sono sempre i medesimi, fenomeni di Hot spot, surriscaldamento dei moduli, decadimento di produzione ed efficienza.
E' importante ricordare che l'acqua piovana non è pulita, le polveri presenti in sospensione nell' atmosfera ricadono assieme alla pioggia, ma sopratutto la pioggia non può dilavare determinati residui. 

La trascuratezza degli impianti fotovoltaici può portare a danni gravi, viste le tensioni e le correnti in gioco nelle stringhe fotovoltaiche, spesso un difetto o un problema sfocia in un danno violento come è successo in questa scatola diodi completamente bruciata 



Molti di questi problemi sono identificabili con un accurata ispezione termografica in quanto i surriscaldamenti delle scatole diodi dei pannelli fotovoltaici sono un tipico problema riscontrabile con la termografia anche senza aver accesso al lato posteriore del modulo, è per tanto riscontrabile anche sui pannelli integrati o parzialmente integrati nelle coperture.

Sulle coperture, questo problema è particolarmente insidioso in quanto un guasto tutta via limitato può trasformarsi in un incendio con gravissime conseguenze 


Questo può far capire come la manutenzione e il controllo periodico a scadenza programmata degli impianti fotovoltaici sia essenziale a fronte del costo stesso dell' impianto concepito come investimento.

I controlli sono un capitolo a parte, possono essere eseguiti in modo differente, il più completo ed esaustivo è un controllo che unisca la prova qualitativa termografica alle prove di misura strumentali sulle singole stringhe ed inverter, essendo quest' ultime le uniche che possono dare un responso numerico sullo stato di performance delle stringhe stesse.
Al momento il modo più pratico e veloce per esaminare impianti di dimensioni fino ad un 1Mwp sia a terra che su tetto è tramite cestello, con trasbordo diretto sul tetto, ed ispezione a piedi tra i moduli, in questa occasione è possibile fare misure puntuali sia sul modulo che valutare ogni singolo modulo preso in rassegna con un ispezione visiva ravvicinata.
Per compiere le medesime ispezioni qualitative si inizia a paventare l'uso di droni  multirotore, tutta via fino sarà un possibile futuro in base a quanto sarà permesso dal nuovo regolamento ENAC, di fatto ad oggi non è possibile proporre questo tipo di attività se non operando in una zona "grigia" al limite tra legalità e non.  

analisi eseguita da www.reamodena.com








Post popolari in questo blog

Cappotto interno funziona ? Conclusioni

Nel precedente post sul cappotto interno realizzato su un unica parete di cui ho proposto l'analisi e la realizzazione a questo link, ho lasciato in sospeso la conclusione finale sull' utilità o meno di questa realizzazione al di là dei soliti calcoli che vengono abitualmente fatti.








Dai calcoli effettuati è assodato che la parete nella quale è realizzato il cappotto di 5 cm (4 cm xps 1 cm cartongesso) dimezza di fatto la sua trasmittanza termica lasciando intuire (sulla carta) un conveniente risparmio energetico e maggiore confort.

In pratica le prove effettuate in questo periodo hanno dato valori ben diversi


La temperatura della parete isolata è solo di circa 2°C più calda delle pareti non isolate.La temperatura globale della stanza non è variata in modo significativo Il disagio termico (freddo percepito ) è rimasto praticamente invariato.I possibili problemi di condensa interstiziale se presenti saranno visibili solo a gennaio La contro parete isolante non ha modificato le d…

Il tufo come materiale isolante e da costruzione

Nei miei numerosi viaggi tra la Puglia e la Basilicata mi è capitato spesso di soggiornare in strutture realizzate in tufo. Vedendo le enormi cave realizzate ai piedi dei paesi sfruttate per realizzare gli stessi questo materiale ha catalizzato la mia curiosità. In effetti questo materiale è di largo utilizzo in meridione e possiede interessantissime proprietà isolanti e di sfasamento termico. Vi sono due tipologie di tufo, il tufo vulcanico e il tufo calcareo generato per sedimentazione.
 La sua struttura macroporosa lo rende molto interessante dal punto di vista termo igrometrico e per le proprietà di abbattimento acustico, anche se questo comporta in una sorta di fragilità strutturale che porta il materiale a sfarinarsi.

 L'abitazione  che ho analizzato era costituita da tufo vulcanico utilizzato come tamponamento della struttura principale si può quindi assumere un valore di trasmittanza pari a 0,6 /0,7 W/mk

Dati tecnici di riferimento del tufo 
 Coefficiente di resistenza a…

Cappotto interno come funziona

Visto l'interesse dei lettori questo centesimo post e dedicato all'effettivo funzionamento del cappotto interno.
Come solito ho preso come soggetto casa mia, un autentico colabrodo termico, non si poteva avere esempio migliore :-\

Queste riprese sono state realizzate internamente ed esternamente alla stanza nella quale ho realizzato un cappotto termico interno esiguo nell' intenzione di contenere una pò le dispersioni termiche e migliorare la situazione generale della parete dietro all' armadio.
La parte è costituita da una lastra di cartongesso accoppiata a del semplice xps dello spessore di 4 cm posato in diretta aderenza al muro esistente con collante e tasselli, potete leggere l'intera recensione della realizzazione a questo link  --  cappotto interno dall' analisi alla realizzazione  --

Nelle immagini ho voluto  evidenziare alcuni dettagli quali

tasselli che possono creare condensaponte termico perimetrale al cappotto non eliminabile effetto del riscaldamen…

Differenza tra cappotto esterno e cappotto interno

La letteratura tecnica descrive le diverse performance tra cappotto interno e cappotto esterno con una serie di tabelle prestazionali e grafici di condensa interstiziale solitamente di difficile comprensione a chi non si è mai trovato a doverli interpretare.
Così come sono molte le note pro e contro che vengono associate ad entrambe le tipologie di isolamento termico., come ho avuto modo di constatare sia di persona che a livello pratico i cappotti interni o intermedi alla struttura riescono difficilmente a correggere in modo opportuno i ponti termici strutturali, la situazione peggiora nettamente con tutte le applicazioni interne isolate che non danno continuità isolante su tutte le pareti fredde.

Tutta via In determinati contesti di ristrutturazione risulta impossibile realizzare un cappotto esterno e di sovente  può succedere di dover optare per entrambe le soluzioni, ovvero, ci si ritroverà con una parte di edifico isolato esternamente ed una parte isolato internamente.

Rimane dif…

I materiali termoriflettenti

PREMESSA 

Data la popolarità di questo argomento e le mole di domande in merito che mi vengono poste via mail è bene precisare che le considerazioni sulle prestazioni isolanti di questo materiale vengo fatte esclusivamente dal punto di vista della loro capacità di riflettere una fonte di calore irraggiata diretta ed intensa, questo perchè si è constatato, che le loro prestazioni di isolamento termico da conduzione ed convezione sono esigue e non confrontabili con i comuni materiali isolanti.

Guarda il VIDEO 



Per vedere quanto possa funzionare un materiale termoriflettente ho fatto una prova interessante che ha rivelato le notevoli proprietà di questo semplice materiale.
Sul tetto di un capannone in pieno sole ho posto circa 1 m quadrato del peggior materiale termoriflettente recuperabile in qualsiasi store di obbistica. Questo materiale è composto da un supporto di 3 mm di polistirolo flessibile e da una sottilissima pellicola metalizzata con rifinitura lucida. solitamente Questo mater…

Come ti frego con l'emissività

Sembra facile con una termocamera o un pirometro misurare la temperatura di un oggetto, basta prendere la sofisticata apparecchiatura,  accenderla, puntarla sull' oggetto e voilà ecco che come per magia conosciamo alla perfezione la temperatura dell' oggetto che osserviamo....... troppo facile, la realtà ci pone un limite ben preciso per tutte le misure indirette, ricavate tramite un algoritmo di calcolo, il limite consiste che la nostra misura è una stima sulla base di un calcolo il quale deve tenere presente alcune variabili.

Una di queste variabili quanto mai insidiose è l'emissività

Per definizione possiamo definire l'emissività  (cit. Wikipedia)



La emissività di un materiale (di solito indicata conε) è la frazione di energiairraggiata da quel materiale rispetto all'energia irraggiata da un corpo nero che sia alla stessa temperatura. È una misura della capacità di un materiale di irraggiare energia. Un vero corpo nero avrebbe un ε = 1 mentre qualunque oggetto re…

Test materiale termoriflettente e vernice termoisolante

Nel precedente post, ho cercato di spiegare in modo semplice come si propaga il calore del riscaldamento delle abitazioni per irraggiamento e da cosa esso viene riflesso.
Utilizzando sempre la stessa lastra campione, appoggiata su un fornello elettrico, simulerò una parete riscaldata di una casa alla quale sono state applicate diverse finiture dichiarate riflettenti o se preferite termoriflettenti e termoisolanti.

Il campione è costituito da una lastra di cartongesso da 1 cm

La lastra è stata suddivisa in 4 quadranti
il primo quadrante è stato verniciato con una pittura termoisolante le cui nano sfere di ceramica dovrebber oavere un effetto termoisolante e termoriflettente
il secondo quadrante è semplice pittura acrilica bianca
il terzo quadrante è alluminio adesivo lucido
il quarto quadrante è lasciato grezzo senza alcuna finitura.



La lastra di cartongesso è stata appoggiata alla piastra del fornello elettrico calda ed osservata con la termocamera.

L'immagine che segue è molto ben…

Quando il cappotto termico è più un golfino senza maniche

Perchè se hai un condominio che è un parallelepipedo di calcestruzzo fai 10 cm di cappotto solo su 2 dei 4 lati ???????

Perchè trascuri due facciate che sono completamente lisce ed uniformi e fai il cappotto dove ci sono i balconi, rientri ecc ?????????

Perchè butti via dei soldi quando hai già l'impalcatura montata  ??????????

Nell' attesa che un' entità superiore possa rispondere alle mie domande vi propongo questo termogramma che parla da solo




Con questo termogramma rispondo a tutti quelli che hanno la brutta idea di voler fare il cappotto solo su un lato della casa o in modo parziale, ecco quello che otterrete, questo non è un capotto ma un golfino senza maniche !
In più avete buttato via soldi e tempo ottenendo un risultato pessimo. 
Attenzione questo termogramma è un caso reale, di due condomini gemelli sui quali due anni fa è stato isolato solo il tetto e 2 delle 4 facciate ottenendo questo schifo.
La medesima situazione è applicabile a chi ha più vetrate rispetto …

Intervista su Prontopro

Prontopro.it il portale italiano, che raggruppa artigiani e professionisti, permettendo ai privati un facile contatto con loro per ricevere preventivi su svariate prestazion,i mi ha intervistato sulla termografia, in modo da far conoscere questa tecnologia molto utile nella manutenzione degli immobili, a tutto il loro pubblico.

Certo che la conoscenza di questa piattaforma possa essere utile anche ai miei lettori e a tutti quelli che si imbattono nel mio blog condivido qui diseguito il link all' intervista pubblicata sul blog di Prontopro.it